24/10/2019

Legge omotransfobia, Brandi e Coghe: «Leggi che servono solo a calpestare i diritti umani inviolabili conquistati in secoli»

COMUNICATO STAMPA

Legge omotransfobia alla Camera

Brandi e Coghe: «Leggi che servono solo a calpestare i diritti umani inviolabili conquistati in secoli»

 

Roma, 24 ottobre 2019

«Le leggi “anti-omofobia” servono solo a calpestare i diritti umani inviolabili che i Paesi civili hanno impiegato secoli a far rispettare come quello della libertà di pensiero e della libertà di parola» tuonano Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita & Famiglia, già organizzatori del Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona, in merito all'iter di approvazione della legge contro l'omotransfobia, che è arrivata proprio oggi in Commissione Giustizia della Camera.

Al deputato del Pd primo firmatario e relatore della legge contro l'omotransfobia, Brandi e Coghe ribattono poi: «Caro Alessandro Zan, in merito alla presunta “emergenza omofobia” nel nostro Paese, cioè ai crimini contro le persone LGBT che sarebbero diffusi in modo allarmante in Italia, permettici di rinfrescarti le idee. L’OSCAD, inserito nel Ministero dell’Interno, che monitora gli atti di discriminazione, ha ricevuto e registrato da gennaio a ottobre 2017 solo 13 casi, contro gli 83 del 2016, segnalando addirittura una controtendenza»

«Riprovevoli sono la violenza, il bullismo, l’emarginazione, l’ingiusta discriminazione, per qualsiasi motivo. Ma molti dati oggettivi e convergenti spingono a concludere che, in Italia, non esiste alcuna “emergenza omofobia”, ma che questa è invocata dalla stampa e da certa politica per introdurre una legislazione di favore e di speciale tutela per la comunità LGBT. Questo sì che è discriminatorio nei confronti degli italiani!».

---

Uff. Stampa Pro Vita & Famiglia

e Congresso Mondiale delle Famiglie

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info