21/03/2020

Giornata Sindrome Down. Pro Vita & Famiglia: “Non uccidiamo le loro speranze, non li uccidiamo”

COMUNICATO STAMPA

Giornata Sindrome Down

Pro Vita & Famiglia: “Non uccidiamo le loro speranze, non li uccidiamo”

 

Roma, 21 marzo 2020

“Care mamme i vostri figli con trisomia 21 saranno bambini e adulti felici. Non chiudete le porte alla vita, il vero progresso dell’umanità passa anche attraverso di voi”: è la dichiarazione di Toni Brandi e Jacopo Coghe, presidente e vice presidente di Pro Vita e Famiglia, nella giornata mondiale della sindrome di Down.

“Queste persone speciali – hanno poi proseguito – non vanno solo accolte ma anche integrate nella società. Non esistono Paesi da definire civili se questo non viene fatto. Si pensi all’Islanda o alla Danimarca dove questi bambini vengono abortiti quasi tutti”. 

Per Brandi “l’aborto eugenetico di bambini con la sindrome di down è di circa l’80% nel mondo. Un’epidemia di cui nessuno parla ma più letale del coronavirus. Loro hanno la voglia che abbiamo tutti di crescere e realizzarsi, di amare, di essere parte integrante della società. Ma noi uccidiamo le loro speranze, anzi li uccidiamo proprio”.

“L’esempio italiano – sottolinea Coghe - non è migliore: all’incirca 6 su 10 bambini vengono uccisi prima di nascere se viene diagnosticata in utero la sindrome di Down. Le istituzioni devono offrire servizi, sostegno e inclusione alle persone con sindrome di down”

Brandi e Coghe però vogliono anche sottolineare un dato in controtendenza: “In base all'ultima analisi condotta dall'associazione Aipd nel 2019 sono 221 i giovani della rete (il 13.4% circa del totale dei maggiorenni) che lavorano con contratto a tempo determinato o indeterminato: 131 in più rispetto al 2013. Di questi, 165 sono assunti a tempo indeterminato, 47 a tempo determinato e 9 hanno un contratto di apprendistato.

La prova di quello che abbiamo sempre detto: nei posti di lavoro, sia in termini relazionali che lavorativi e di produttività queste persone sono un valore aggiunto. Quindi aziende fatevi sotto: Assumere questi lavoratori speciali non è solo giusto, ma vi conviene! Perche’ conviene? La loro devozione ed impegno nel lavoro vi sorprenderanno!”.

 

- - -

Uff. Stampa Pro Vita & Famiglia

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info