24/11/2021

FLASH – Trans arrestato per reati sessuali violenta donna in prigione femminile

Da mesi orami si moltiplicano i rapporti relativi alle violenze sessuali perpetrate da detenuti maschi transgender all’interno delle carceri femminili. Chiunque abbia un minimo di buonsenso capirebbe che bisogna modificare immediatamente queste policy per proteggere le detenute di sesso femminile.

 A Olimpia, nello stato di Washington, un molestatore sessuale che era stato condannato per la molestia sessuale di una ragazzina di 12 anni è stato trasferito in un carcere femminile, dove ha adescato e violentato una donna con disabilità psichiche che era sopravvissuta a degli abusi sessuali.

Hobbie Bingham era stato condannato in Louisiana nel 2003 per aver molestato sessualmente una minorenne. Per questo reato è stato imprigionato per soli due anni e gli è stato anche richiesto di registrarsi come molestatore sessuale di basso livello.

I documenti del Dipartimento delle correzioni dello Stato di Washington (WADOC) ottenuti dal Fronte di liberazione delle donne (WoLF) hanno rivelato che dopo essere stato di nuovo imprigionato per ulteriori reati, il signor Bingham, che a quel punto aveva iniziato a identificarsi come una donna di nome Princess Zoee Andromeda Love, è diventato uno dei tre detenuti maschi nello stato di Washington la cui richiesta di trasferimento in una prigione femminile è stata accolta dopo il 1 gennaio 2021.

Secondo il "Dori Monson Show" su KIRO Radio, un impiegato anonimo ha scoperto che Andromeda Love faceva "sesso" con una detenuta. La National Review ha ottenuto un riassunto dell'incidente, che ha rivelato che il signor Andromeda Love aveva convinto la donna, che aveva la "disposizione di un bambino", che i due erano "anime gemelle".

Scott Fleming, che all'epoca lavorava come guardia nella prigione e ha appreso dell'incidente dall'ufficiale che ha scoperto i compagni di cella a letto, ha affermato che appariva come "un'interazione predatore/vittima post-aggressione", piuttosto che come "due detenuti innamorati, dopo aver avuto un rapporto consensuale”. WoLF, un'organizzazione per i diritti delle donne che si oppone alla legislazione sull'identità di genere, ha concordato con la valutazione del personale carcerario, affermando che la donna incarcerata è stata "tecnicamente violentata".

Un impiegato del carcere ha detto al Dori Monson Show che 150 detenuti maschi a Washington hanno chiesto il trasferimento nelle carceri femminili. Notando che "l'86% delle donne incarcerate, ad un certo punto della loro vita, sono state vittime di aggressioni sessuali", il conduttore del programma radiofonico si è chiesto se il sistema carcerario di Washington stesse violando i diritti delle donne incarcerate che sono costrette a sopportare il trauma della condivisione celle e l'uso di servizi igienici e docce insieme ai detenuti maschi.

La policy carceraria di Washington chiede ai detenuti di dichiarare un'identità di genere al momento dell'ingresso. I detenuti che affermano di identificarsi come dell'altro sesso, senza sesso o come genere non conforme possono chiedere di essere ospitati nel carcere con le persone del sesso da loro scelto. Non è richiesto l'uso di ormoni sessuali incrociati o il ricorso a interventi chirurgici sui genitali o di altro tipo.

Fonte: Women are Human

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info