31/05/2022

FLASH – Dopo accuse transfobia, uomo trans ammesso in spogliatoio femminile

Gli spazi riservati alle donne stanno diventando sempre meno riservati e sempre meno sicuri, dato che in molti paesi nel nome dell’“inclusività” si è deciso di lasciare che anche gli uomini transgender ne usufruiscano liberamente.

Qualche tempo fa, nella città spagnola di Castellón, un maschio trans era stato escluso dallo spogliatoio femminile di un centro sportivo dopo che una cliente donna si era lamentata. Dopo questa decisione il giovane uomo, che si identifica come una donna di nome Aura, ha protestato tramite i suoi profili social, accusando la palestra di transfobia e invocando l’applicazione della legge contro la discriminazione.

Di fronte agli attacchi mediatici e alla minaccia di impugnazione legale ai sensi di quella che è informalmente nota come la "legge trans della Comunità Valenciana", il centro sportivo ha fatto marcia indietro. Dopo essersi scusati con Aura, i rappresentanti del centro “Basic Fit” lo hanno informato che in futuro gli sarebbe stato permesso di accedere allo spogliatoio femminile.

L'uomo transgender ora si vanta che "The Girl" ha vinto questo round e prende in giro i detrattori con insulti misogini sui social.

Fonte: Women are Human

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info