20/02/2021

FLASH - Procedura d'aborto per prelevare le cellule per coltivare i vaccini

La biologa Pamela Acker, laureata in Biologia presso l'Università Cattolica d'America e autrice di un libro intitolato Vaccination: A Catholic Perspective , ha raccontato ciò che dice la letteratura scientifica su come i bambini vengono abortiti per ottenere le linee cellulari utilizzate in numerosi vaccini. 
Per motivi di sterilità e per poter prelevare cellule vive si fanno "isterectomie addominali ". Quindi, alle donne viene asportato anche l'utero.
Quindi, i bambini sono rimossi dal corpo materno con tutto l'utero, senza neanche forare il sacco amniotico e posti  (vivi?!) direttamente in frigorifero dove possono essere conservati per non più di 24 ore.
 
La Acker ha trascorso circa nove mesi in un laboratorio una decina di anni fa lavorando a un progetto per sviluppare un vaccino contro l'HIV con una sovvenzione fornita dalla Fondazione Bill & Melinda Gates. È stato quando il suo team ha deciso di utilizzare le cellule HEK-293 per il progetto che ha iniziato ad avere dubbi morali.
HEK sta per Human Embryonic Kidney (reni). 293 significa che è  il 293 ° esperimento che questo particolare ricercatore ha fatto per sviluppare le linee cellulari.
Il rene è stato prelevato da una  bambina sana abortita nel 1972, nei Paesi Bassi, quando l'aborto era illegale anche là.
Il successo e la longevità della linea HEK-293 suggeriscono che il campione era straordinariamente adatto per la coltura e chiunque abbia studiato teoria cellulare dovrebbe sapere che non è possibile derivare una coltura cellulare vivente da un tessuto che è già morto. È impossibile, quindi che si fosse trattato di un aborto spontaneo. 
 
Sono linee cellulari provenienti da aborti (e di solito si ottengono da un bambino dopo che sono stati fatti esperimenti su diversi altri) WI-38 (utilizzata nei vaccini Morbillo Parotite Rosolia e contro l'herpes zoster)  WI-26 , WI-44,  MRC-5 (utilizzata nei vaccini contro l'epatite A, il morbillo e l'herpes zoster), WALVAX2, RA273.
 
Per saperne di più: Lifesitenews.com
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info