22/05/2020

FLASH - Nasce a 22 settimane e sta bene

Lilly è nata a 22 settimane di gravidanza, quattro mesi prima del previsto, e, come tutti i nati prematuri, smaschera le bugie degli abortisti: nel grembo di una donna incinta non c'è un grumo di cellule, ma un bambino. E che si tratti di bambini, sin dal concepimento, lo dice la scienza, inutile inventarsi teorie arbitrarie per cui, come avviene in Italia, prima di 12 settimane non c'è nessun bambino e poi voilà, eccone uno. Che un bambino sia sano, malato o abbia una bassissima aspettativa di vita prima o dopo il parto, la sua vita è da rispettare in ogni caso. Il concepimento segna l'inizio di ognuno di noi, siamo esseri umani e da tali meritiamo di essere trattati.

Fonte: Life News

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info