14/09/2021

FLASH – L’Europa contro Ungheria, Polonia e Romania sulle unioni Lgbt

L'Europarlamento, votando una risoluzione, chiede a tutti gli Stati Ue di rimuovere tutti gli ostacoli che le persone LGBTQ+ affrontano nell'esercitare i loro diritti fondamentali.

In particolare, nella "risoluzione si afferma che i matrimoni o le unioni registrate formalizzate in uno Stato membro dovrebbero essere riconosciute in tutti i Paesi Ue in maniera uniforme e che i coniugi e i partner dello stesso sesso dovrebbero essere trattati allo stesso modo delle loro controparti di sesso opposto".

Gli eurodeputati della Lega e di Fratelli d'Italia hanno votato contro la risoluzione. A favore del testo Pd, M5S, Italia Viva. Forza Italia si è divisa tra no, ok e astenuti.

Inoltre, si esortano tutti i Paesi Ue a riconoscere come genitori legali gli adulti menzionati nel certificato di nascita di un bambino. Più in generale, le famiglie arcobaleno dovrebbero disporre dello stesso diritto al ricongiungimento familiare delle coppie di sesso opposto e delle loro famiglie. E, per garantire che i bambini non diventino apolidi quando le loro famiglie si spostano tra Stati membri, le famiglie dovrebbero essere trattate allo stesso modo in tutta l'Ue.

Infine l’Europarlamento ha condannato nuovamente Polonia e Ungheria, accusate di discriminare la community LGBT.

Fonte: La Repubblica

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info