14/09/2022

FLASH – In Ungheria le donne dovranno ascoltare il battito del feto prima di abortire

Sulla scia degli USA ora anche l’Ungheria vuole aumentare le tutele per i bambini non ancora nati, cercando di scoraggiare le donne che vogliono ricorrere all’aborto.

Il governo di Viktor Orban ha infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale ungherese una nuova norma che rende obbligatorio per i medici presentare alle donne la prova «chiaramente identificabile delle funzioni vitali del feto». In altre parole un'ecografia del cuore.

La legge ungherese sull’aborto è peraltro già abbastanza restrittiva e prevede che si possa abortire solo in quattro casi: gravidanza in conseguenza di un reato o violenza sessuale, pericolo per la salute della donna, embrione con handicap fisico grave, situazione sociale insostenibile della donna.

Fonte: Il Mattino

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info