23/06/2016

Aborto sesso selettivo in UK (alla faccia della “gender equality”)

Forse un ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo [CEDU]  potrebbe sollevare di nuovo il caso dello sterminio di bambine in atto  nel Regno Unito a causa dell’aborto sesso selettivo.

Avete letto bene: parliamo del Regno Unito, non della Cina o dell’India, dove il “femminicidio” è prassi inveterata e ben tollerata dalle femministe nostrane...

E non è solo il Regno Unito, tra i “moderni Paesi civili” ad avere questo problema.

Ne abbiamo parlato. Come i nostri  Lettori ricordano, quattro anni fa, il Daily Telegraph aveva filmato due medici abortisti, Prabha Sivaraman e Palaniappan Rajmohan che erano disposti a praticare l’aborto in base al sesso.

Il Crown Prosecution Service (CPS) aveva lasciato cadere la cosa: perché “non era nel pubblico interesse” agire .

In seguito, il CPS ha dichiarato che formalmente  la legge non vieta in modo palese l’aborto delle femmine. E la cosa sembrava morta lì.

L’avvocato Paul Diamond, invece, ha deciso di ricorrere alla CEDU, invocando il divieto di discriminazione in base al sesso contenuto nell’articolo 2 della Convenzione per i diritti umani affinché si applichi anche alla fase prenatale, in gravidanza.

Decidere di far nascere un bambino solo se è maschio, è  un caso di “discriminazione di genere” o no?

Nel 2002, il Consiglio d’Europa aveva asserito che gli Stati dovrebbero “vietare la selezione prenatale del sesso“, mentre nel 2011, la risoluzione 1829 ha invitato tutti i paesi membri a introdurre una legislazione che vieta le pratiche discriminatorie.

Se la coerenza fosse di questo mondo, non bisognerebbe neanche stare a discutere di una cosa del genere. Invece la “cultura della morte”, come il male che la sottende, è profondamente incoerente. Tanto che prima o poi finirà col divorare se stessa.

Redazione

Fonte: Nationalrighttolifenews.org


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info