27/08/2022 di Ufficio Stampa Pro Vita & Famiglia

Aborto, Pro Vita & Famiglia: «Stupiti da parole Mons. Paglia»

Roma, 27 agosto 2022

«Il giusto intento di favorire un dibattito aperto, laico e condiviso su aborto e natalità, sollecitando l’applicazione della Legge 194 anche nella parte di prevenzione e di tutela sociale della maternità, non può spingersi fino a negare l’intrinseca iniquità della Legge 194. Per questo ci hanno stupito le parole usate ieri, in diretta Rai, dal Presidente della Pontificia Accademia per la Vita, Monsignor Vincenzo Paglia, secondo cui la legge 194 sull’aborto sarebbe “un pilastro della nostra vita sociale”. Non comprendiamo come possa essere un “pilastro” della società una legge che sopprime vite umane inermi e innocenti. Proprio per questo vogliamo ribadire la nostra gratitudine nei confronti di Papa Francesco che, con parole nette e inequivocabili, ha sempre escluso la compatibilità tra una legge sull’aborto, paragonato al lavoro di un sicario, e una società orientata alla pace e alla giustizia. Lo stesso Pontefice, infatti, ha definito più volte l’aborto come “un crimine, un male assoluto”, questo è il commento di Jacopo Coghe, Portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus a seguito delle dichiarazioni sull’aborto di Mons.Paglia.

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info