14/03/2020

FLASH (in versi) - Ipocrisia

A causa della pandemia siamo privati persino dei Sacramenti. Nei presidi sanitari vengono rimandate tutte le operazioni chirurgiche non strettamente indispensabili, le prestazioni ambulatoriali non urgenti (persino talune di quelle destinate a malati oncologici) per liberare spazio e personale per l’emergenza coronavirus. L'aborto volontario no. Uccidere un bambino è considerato necessario e urgente. Commenta così, in versi, il nostro caro amico, Silvio Ghielmi (cliccate qui se non sapete chi è: un gigante nella storia della difesa della vita in Italia).
 
 
 
IPOCRISIA
 
E’ l’acme di globale ipocrisia,
 
l’esibizione a contrastar la morte
 
per quanti esposti, per nefasta sorte,
 
a questa virulenta epidemia.
 
 
 
Continua invece, fluida e silente,
 
la procedura detta Interruzione,
 
di quella Vita nuova ed innocente,
 
sgradito inconveniente,
 
secondo gli apparati del Padrone.
 
 
 
Dilaga inarrestabile la ciarla.
 
Di questa nefandezza non si parla.
 
Silvio Ghielmi
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info