23/11/2020 di Luca Marcolivio

Per una pastorale rivolta ai piccoli: gli incontri online con don Fortunato Di Noto

Per tutelare i diritti del bambino, in particolare il suo diritto alla purezza, non basta “non scandalizzare”. È necessario amare e accogliere. Questo il senso del nuovo ciclo di lectio divina a cura di don Fortunato Di Noto. Il fondatore di Meter Onlus terrà quattro incontri serali in streaming a partire da venerdì scorso, tutti trasmessi in diretta sulla pagina Facebook di Meter Onlus, a partire dalle 21.

L’iniziativa si propone come «una azione concreta e una operativa risposta pastorale agli appelli e agli inviti di Papa Francesco, alla luce e all’appello che la Lettera al popolo di Dio e non solo, ha a rivolto a tutti i battezzati: “il problema è di tutti e tutti dobbiamo agire”, porre al centro i piccoli, la loro cura, la loro difesa, la loro bellezza; consapevoli del grande dono della fede che cresce e si alimenta con l’ascolto della parola di Dio», scrive don Di Noto sul sito web di Meter.

«Le ragioni di questi momenti di ascolto della Parola di Dio e di preghiera – prosegue il sacerdote – sono contenuti nel fatto che una Comunità non può agire o pensare se non pone al centro della vita pastorale i piccoli che sono da amare come li ama lo stesso Gesù. Infatti: Cristo è morto per amore verso di noi, quando eravamo ancora “nemici” (Rm 5,10). Il Signore ci chiede di amare come lui, perfino i nostri nemici, di farci prossimo del più lontano, di amare i bambini, e i poveri come lui stesso (Catechismo Chiesa Cattolica n. 1825)».

I quattro appuntamenti con la lectio divina, con conclude Di Noto,
sono aperti «a tutti coloro che sono o vogliono impegnarsi per l’infanzia nell’ottica di una vocazione, di un servizio (diaconia) per chi è ‘piccolo’, si fa ‘piccolo’ per il regno di Dio».

Il ciclo ha appunto avuto inizio venerdì 20 novembre 2020, sul tema Diventare a bambini. “In verità vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli” (Matteo 18,1-5). A seguire, venerdì 27 novembre, con Accogliere i piccoli e gli esclusi. Chi accoglie un bambino, accoglie Gesù (Marco 9,38-43.45.47-48). Terzo appuntamento, venerdì 4 dicembre: Non scandalizzare i bambini. Non disprezzare, non scandalizzare i piccoli. (Matteo 18,10). Si chiuderà venerdì 11 dicembre, sul tema Amare i bambini come Lui stesso, Gesù. Dalla parola di Dio alla pastorale ordinaria per l’infanzia. Suggerimenti e prospettive operative.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info