31/03/2018

Meno educazione sessuale a scuola, meno ragazzine incinte

Uno dei miti da sfatare è che l’educazione sessuale precoce, impartita dallo Stato, serva a prevenire gravidanze indesiderate e aborti tra le adolescenti.

Che si tratti solo di un artificio propagandistico è dimostrato dalle notizie che arrivano dal Regno Unito.

Il rapporto dell’ufficio nazionale di statistica  in Inghilterra e Galles, sul 2016, ha rilevato che la percentuale più alta di gravidanze indesiderate che sono state “risolte” con l’aborto è quella che riguarda  le donne di età inferiore a 16 anni  (61,5%).

La cifra che attrae i titoli dei giornali è il fatto che il tasso complessivo di concepimento in Inghilterra e Galles nel 2016 è stato il più basso registrato dal 2005.

E i tassi di gravidanze adolescenziali hanno continuato a diminuire. Il tasso di concepimento tra le donne di età compresa tra 15 e 17 anni del 18,9 per mille, è il più basso dal 1969.

Ma cosa c’è dietro?

Una ricerca del professor David Paton dell’Università di Nottingham ha rilevato che le percentuali di gravidanza e aborto tra le adolescenti sono diminuite in modo significativo nelle aree in cui erano stati effettuati tagli ai programmi di educazione sessuale nelle scuole. 

Il dato – inoppugnabile per chi non è accecato dall’ideologia – è una sfida ai piani del governo di  introdurre l’educazione sessuale obbligatoria in tutte le scuole elementari con conseguente esclusione del  diritto dei genitori di sindacare in merito.

L’educazione sessuale precoce – impartita dallo Stato e non in famiglia – serve solo alla sessualizzazione precoce dei ragazzini.

Redazione

Fonte: LifeSiteNews


FIRMA ANCHE TU

Per la salute delle donne:

per un’informazione veritiera sulle conseguenze fisiche e psichiche dell’ aborto 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info