22/06/2017

La Gaystapo se la prende pure con Radio Maria

La Gaystapo spadroneggia negli Ordini professionali? Quello degli psicologi mette sotto processo il dott. Ricci per aver detto che i bambini hanno bisogno di mamma e papà.

L’Ordine dei giornalisti della Lombardia, invece, in adempimento al diktat della Gaystapo, ha sospeso per sei mesi padre Livio Fanzaga, il direttore di Radio Maria, per aver ricordato alla senatrice Cirinnà che tutti dobbiamo morire.

La Signora in questione, almeno secondo IntelligoNews, lo denunciò all’Ordine e a qualche Authority nel febbraio dello scorso anno per aver detto: «Questa qui mi sembra un po’ la donna del capitolo diciassettesimo dell’Apocalisse, la Babilonia insomma*, che adesso brinda con prosecco alla vittoria [per l’apporvazione della legge sulle unioni civili, ndR]. Signora, arriveranno anche i funerali, stia tranquilla. Glielo auguro il più lontano possibile, ma arriverà anche quello».

La senatrice gli ha imputato “la violazione delle norme deontologiche che presiedono la professione e in particolare dell’articolo 2, comma 1 della stessa legge, per aver tenuto un comportamento lesivo della professione nell’inosservanza delle norme di legge dettate a tutela della personalità altrui; dell’articolo 9 del codice deontologico, laddove nell’esercitare il diritto dovere di cronaca il giornalista è tenuto a rispettare il diritto della persona alla non discriminazione per razza, religione, opinioni politiche, sesso, condizioni personali, fisiche o mentali”.

Noi, sinceramente, non capiamo dove Padre Livio abbia leso la personalità della Cirinnà, né dove l’abbia discriminata.

Pare Livio ha fatto un po’ di “ironia biblica”, essendo un prete. I giornali mediamente fanno ironia molto più offensiva, denigratoria e discriminatoria (per non parlare di quelli che pubblicamente si augurano che presto i loro avversari vengano uccisi) e restano assolutamente impuniti: in nome del diritto di cronaca , di critica e di satira.

Ma la Gaystapo, si sa, è un poco strabica: percepisce come mortali offese solo l’ironia sulle questioni LGBT. Quando si insultano gli altri, magari bestemmiando e dissacrando, allora va tutto bene.

Senza contare che – in fin dei conti – Padre Livio non ha detto niente di strano: tutti dobbiamo morire, prima o poi, anzi ha augurato alla Cirinnà una lunga vita...

“Cosa bella mortal passa e non dura” diceva il Poeta. O vogliamo anche radiare dalle antologie di letteratura italiana  il Petrarca?

Alla Gaystapo, però, forse sfugge il Petrarca: alcuni dicono che abbia amici che scrivono “traccie” con la i... 

Redazione

*La Babilonia dell’Apocalisse è simbolo dell’idolatria: quindi Padre Livio ha dato alla Cirinnà dell’idolatra, non della “prostituta” come asseriscono coloro che ignorano i rudimenti base del linguaggio biblico


 

AGISCI ANCHE TU! FIRMA LE NOSTRE PETIZIONI

NO all’eutanasia! NO alle DAT!

#chiudeteUNAR

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info