02/08/2022 di Francesca Romana Poleggi

La Costituzione tutela gli animali?

Scrivendo in modo critico dell’animalismo e dell’anti-specismo non vorrei essere accusata di avere un cuore arido e insensibile nei confronti degli animali e dell’ambiente. Allora ci tengo a precisare che sono convinta che ogni essere umano degno di tale qualifica debba amare e rispettare gli animali e il creato (meglio di “ambiente”) e mi permetto di condividere con i Lettori la foto mio amatissimo e bellissimo Gattuccio . È morto alcuni anni fa, ma ancora ne sento molto la mancanza. 

 

L’8 febbraio 2022 Il Parlamento ha varato la modifica degli articoli 9 e 41 della Costituzione. L’art. 9, tra i «Principi fondamentali», «tutela il paesaggio, il patrimonio storico e artistico della Nazione». Ora si aggiunge: «La Repubblica tutela l’ambiente, la biodiversità e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni. La legge dello Stato disciplina i modi e le forme di tutela degli animali». Quindi, gli animali, gli ecosistemi e la biodiversità diventano "valori" costituzionalmente garantiti.

L’art. 41 recitava: «L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana». Ora dopo «danno» si aggiunge «alla salute, all’ambiente», che quindi vengono anteposti alla sicurezza, alla libertà e alla dignità umana. Il secondo comma pone limiti alla libertà economica privata dicendo: «La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali». Ora si aggiunge alla fine «e ambientali”. 

È questo il compimento di un percorso: di ambiente ed ecosistema si parla già nel nuovo testo dell’art. 117 che ripartisce il potere legislativo fra Stato e Regioni. E la Corte costituzionale da una trentina d’anni ha lavorato sul concetto di “paesaggio”, fino a trasformarlo in “ambiente”, bene unitario, che va salvaguardato nella sua interezza.

Alla luce di quanto sopra, l’insigne giurista Francesco Mario Agnoli si chiede se si chiuda così la bocca agli ambientalisti che di solito protestano contro le pale eoliche e i pannelli solari che deturpano il “paesaggio”. 

Inoltre, Tommaso Scandroglio, su La Nuova Bussola Quotidiana, stigmatizza l’anteposizione della tutela della salute e dell’ambiente rispetto alla tutela della dignità umana. «Dovrebbe essere l’opposto perché è il riferimento alla dignità della persona a costituire il paradigma che orienta il nostro agire morale. Un’azione è buona o malvagia a seconda che sia in accordo o disaccordo con la dignità umana, questo è il principio fondamentale della morale naturale. In tal senso io posso lecitamente arrecare un danno ambientale se è di vantaggio per la dignità personale. Ad esempio, sarebbe bene radere al suolo un intero bosco se fosse l’unico modo per salvare la vita di una persona». Invece, nel 2016 quando un un gorilla dello zoo di Cincinnati è stato abbattuto per salvare un bambino caduto nel recinto, il web si è indignato e i genitori sono finiti sotto processo. E di storie analoghe ce ne sono parecchie.

D’ora in poi, dunque, le leggi del Parlamento dovranno tutelare gli animali tanto quanto le persone.

Chissà se verrà data loro anche la "capacità giuridica", cioè la capacità di avere diritti e doveri, che finora appartiene solo agli esseri umani (art. 1 cod. civ.). In Spagna ed in alcuni Stati federati americani ci provano da tempo. 

Ma poiché non possono esserci diritti senza doveri (il dovere è il comportamento che consente la realizzazione dei diritti altrui), come potrà un animale essere tenuto ad adempiere i suoi doveri? Sarà un “soggetto” dotato di soli diritti?

Lo stesso art. 1 del codice civile, riconosce in qualche modo anche la capacità giuridica del concepito: la qualcosa è stata in mille modi aggirata e calpestata con la legalizzazione dell'aborto e della fecondazione artificiale. Il concepito, quindi, è di fatto considerato un "sub-umano" perché non ha diritto di vivere. Invece gli animali potranno essere considerati come persone?

La risposta già si sa, visto che le leggi (in Italia e all’estero) tutelano i cuccioli di cani, gatti e animali da allevamento molto di più dei cuccioli d’uomo. 

Bisogna fare molta attenzione nel voler mettere gli animali allo stesso livello delle persone, perché in tal modo non si eleva la loro dignità, ma si abbassa quella della persona, che così, come un qualsiasi animale, diventa un oggetto disponibile, che si può comprare, vendere, manipolare, sopprimere in base all’utilità che ne può trarre il più forte. Così già è, se si pensa all’aborto alla fecondazione artificiale, all’ingegneria genetica o all’eutanasia. 

Il grande G. K. Chesterton, in The Thing (del 1939) aveva parlato del ‘comunismo cosmico’. Una nuova ideologia che, affermando l’indifferenza tra il corpo umano e quello animale, si esprimeva «lasciando che un uomo muoia come un cane e pensando che la morte di un cane sia più patetica di quella di un uomo». Dai tempi di Chesterton ad oggi, riforma costituzionale compresa, l’umanizzazione degli animali prosegue inesorabile. 

Ma all’umanizzazione dell’animale corrisponde la bestializzazione dell’uomo. E chi ne fa le spese è la porzione di umanità più fragile e indifesa. L’idea secondo la quale “l’uomo non è che un animale” vuol dire che siamo solo una specie tra gli animali della foresta, dove vale la legge del più forte. Se animali ci definiamo, come animali agiremo.

Tratto da Notizie Pro Vita & Famiglia, aprile 2022 

 
Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info