12/07/2016

La Buona Notizia #537. Trieste è per la famiglia!

La Buona Notizia di oggi viene da Trieste.

Roberto Dipiazza, eletto sindaco  per la terza volta, in questi giorni ha presentato la sua giunta e ha esposto il suo programma di governo della città, scatenando un vespaio di polemiche – alcune anche piuttosto isteriche (vedi foto).

Tra le varie politiche che intende intraprendere quello che ci interessa sottolineare è l’intenzione di dare un concreto sostegno verso i giovani e in favore della famiglia. Del resto il presidente del neoeletto consiglio comunale, Marco Gabrielli,  e il consigliere Roberto Cason, sono tra i firmatari del Patto per la Famiglia di ProVita.

Dipiazza ha dichiarato apertamente a Il Piccolo: «Sarà eliminato il percorso educativo denominato “Gioco del rispetto”. Si provvederà alla chiusura del registro per le Dichiarazioni anticipate di trattamento, strumento inutile in mancanza di una legislazione nazionale, e del registro dei matrimoni omosessuali celebrati all’estero. Ci sarà l’uscita del Comune di Trieste dalla rete ReADy [composta da amministrazioni locali che si impegnano in propaganda LGBTQIA...]». 

Trieste_Comune_buona notizia_famiglia-
Il Comune di Trieste

Il vicesindaco, Pierpaolo Roberti, con delega alla famiglia ha spiegato: «Era fondamentale dare un segnale. La precedente amministrazione pensava che la famiglia fosse una cosa da distruggere. Noi la vogliamo riportare al centro». E al giornalista che gli chiedeva dell’assessorato “alle famiglie” – al plurale – di Torino, Roberti ha risposto: «Di famiglia ce n’è una sola. Quella formata da un uomo, una donna ed eventualmente dei figli».

E il giornalista: «Il sindaco ha dichiarato che non celebrerà le unioni civili e delegherà qualcun altro. Il vicesindaco, per esempio...».

Roberti: «Se dovesse delegare me , starò male quel giorno».

«E chi le celebrerà allora queste unioni?».

«Non lo so. Io no di sicuro».

Redazione

Segnalate alla nostra Redazione (qui i contatti) la vostra Buona Notizia! Può essere un articolo ripreso dal web o una vostra testimonianza... la condivideremo con tutti i Lettori!


DONA IL TUO IL 5×1000 A PROVITA! Compila il modulo 730, il CUD oppure il Modello Unico e nel riquadro “Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e delle associazioni di promozione sociale” indica il codice fiscale di ProVita94040860226. GRAZIE!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info