25/08/2021

I medici volevano che Emersyn morisse

È difficile immaginare come qualcuno, tanto meno un medico, possa pensare che Emersyn  Baker, 6 anni,  sarebbe stata meglio morta.
 
La bambina ha un sorriso luminoso e una personalità gioiosa,  e si prepara per iniziare la scuola tra poco. Ma poiché le è stata diagnosticata la sindrome di Down prima della nascita, i suoi genitori, Courtney e Matt, hanno dovuto lottare contro la discriminazione e le pressioni del loro medico, solo perché la loro bambina potesse vivere.
 
«L'amore che emana la rende un brillante riflettore in un mondo sempre più buio, e mi spezza il cuore pensare a quante persone si stanno perdendo ciò che abbiamo», ha detto Courtney a Epoch Times.
 
Certo, lei e suo marito sono rimasti scioccati quando hanno  saputo  che la loro figlia aveva la sindrome di Down.
 
«Eravamo devastati, ma solo perché ignoravamo  tutto della sindrome di Down», ha detto. «Conoscevamo solo gli scenari peggiori e... entrambi ci sentivamo completamente persi».
 
Però, quando il suo medico le ha proposto l'aborto ha rifiutato. Sapeva bene cosa è l'aborto e nessuno, tanto meno sua figlia, merita una fine del genere.
 
Il dottore ha insistito, dando loro una dozzina di ragioni per farlo.
 
«A quel punto, l'avevamo già chiamata  Emersyn».  Il dottore li ha quasi bullizzati. Sembrava divertirsi a trovare le cose che non andavano. Ha detto anche che aveva i piedi torti (e ha ridacchiato). 
 
La fede ci ha dato la forza per  nostra figlia. Poi, nel 2016, pensando a tanti altri genitori che potevano passare quello che hanno passato loro, Courtney e il marito hanno  scritto una lettera al  medico per fargli cambiare prospettiva e soprattutto il modo in cui trattava le future madri.
 
E infatti l'esperienza dei Baker è quella di tanti genitori spinti ad abortire al presentarsi del minimo problema riguardo il il bambino non ancora nato.
 
Tragicamente, troppi vengono convinti. La ricerca suggerisce che fino al 93% dei bambini  con diagnosi di sindrome di Down negli Stati Uniti viene abortito. Recenti rapporti su  The Atlantic  e  CBS News hanno  rilevato che  quasi il 100% dei bambini non ancora nati che risultano positivi alla sindrome di Down vengono abortiti in  Islanda , il 95% in Danimarca e il 90% in Inghilterra.
 
 
"Voglio arrivare a un posto nella società in cui non dobbiamo lottare così duramente per dimostrare che le persone con sindrome di Down sono proprio questo: persone", ha detto. “E proprio come ogni altro essere umano, meritano la vita e di essere trattati con lo stesso amore e rispetto che diamo a chiunque altro”.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info