05/11/2019

Gli atleti della Montespaccato Savoia Calcio con i ragazzi dell'Accademia degli Autismi

Ieri dalle ore 10,30 alle 12,00 è stata organizzata da Tutti giù per terra Onlus e Mirjac Onlus, presso la Collina storta di Roma, insieme all’IPAB Asilo Savoia e al Montespaccato Savoia Calcio un’iniziativa di inclusione sociale attraverso il calcio. Due atleti del Montespaccato Savoia Calcio, insieme ad Antonello Tanteri, direttore operativo programma “Talento & Tenacia" Servizio Socio Educativo Assistenziale del Raggruppamento II.PP.A.B. Asilo Savoia, hanno partecipato ad un bellissimo momento di confronto e divertimento nel quale, alcuni ragazzi con disturbi dello spettro autistico hanno messo in campo le loro abilità motorie e relazionali.

Siamo stati davvero felici di questa occasione di inclusione e divertimento. I nostri ragazzi sono mediamente poco agili, giocare con la palla li ha, invece, coinvolti e intrattenuti. Siamo davvero grati a Massimiliano Monnanni, Presidente dell’IPAB Asilo Savoia, per essersi fatto promotore dell’organizzazione di questa bella iniziativa. Gli atleti del Montespaccato Savoia Calcio si sono dimostrati non solo capaci, ma soprattutto attenti e disponibili con i nostri ragazzi con diverse potenzialità”. Queste le parole di Fabiana Sonnino, presidente della Tutti giù per terra ONLUS per esprimere la sua soddisfazione riguardo la mattinata di ieri.

Quello che per altri può sembrare un semplice momento di adesione solidale, seppur lodevole, ad una iniziativa sociale, per i ragazzi del ‘Montespaccato’ rappresenta un elemento costitutivo della propria partecipazione al programma ‘Talento & Tenacia’. Un programma che mette al centro il senso di comunità e la costruzione di valori che rifiutano ogni tipo di discriminazione, promuovendo attivamente la solidarietà e il coinvolgimento delle giovani generazioni su temi di interesse civile”. Così interviene Massimiliano Monnanni, Presidente dell’IPAB Asilo Savoia.

I disturbi del neurosviluppo sono caratterizzati da difficoltà nell’ambito socio-comunicativo e nel dominio motorio. Tuttavia, proporre a bambini e ragazzi con autismo attività basate sul movimento può contribuire a migliorare la capacità di attenzione e la partecipazione; permette di potenziare la capacità di realizzare un compito e/o rispondere correttamente a richieste; aiuta a tenere sotto controllo comportamenti inappropriati e, dal punto di vista fisico, favorisce l’allungamento dei muscoli e migliora la postura.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info