02/09/2022

FLASH – USA. Risarcita la prof sospesa per aver rifiutato di usare i pronomi transgender

Pamela Ricard, un'insegnante del Kansas che era stata sospesa per non aver accettato le nuove policy sui transgender, ha ottenuto un risarcimento di 95.000 $ dopo aver vinto una causa contro il distretto scolastico della contea di Geary.

Gli amministratori della scuola “Fort Riley Middle” avevano infatti rimproverato e sospeso la Ricard nel 2021 dopo che lei si era rifiutata di chiamare una studentessa transgender con il nome e i pronomi maschili.

L’insegnante ha affermato inoltre che i suoi dirigenti scolastici le avevano chiesto di usare i pronomi di genere preferiti dagli studenti nelle classi, ma di evitare di usare quei termini quando parlava con i loro genitori. Ricard ha quindi deciso di citare in giudizio la scuola, sostenendo che tale inganno andava contro le sue credenze cristiane.

Fonte: New York Post

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info