20/04/2020

FLASH - Fecondazione artificiale a carico del Ssn. Niente da festeggiare

La fecondazione artificiale è una pratica che, per far nascere un bambino vivo, comporta il sacrificio di numerosissimi embrioni, cioè vite umane a tutti gli effetti. Abbiamo anche spiegato i gravi rischi che può provocare sia a chi vi fa ricorso che ai bambini eventualmente nati. C'è poco da festeggiare, dunque, per quanto avvenuto in campania. «La notizia è che una coppia del Sud, per la prima volta dal 1985, sta portando avanti una gravidanza da procreazione medicalmente assistita (Pma) eterologa (cioè con gameti estranei alla coppia) a carico del servizio sanitario nazionale, all’interno di una struttura pubblica. Questo grazie a un decreto commissariale sulla procreazione medicalmente assistita approvato lo scorso anno dal governatore (e commissario alla sanità) De Luca, che dopo aver modificato la normativa regionale, adeguandola alle sentenze della corte costituzionale, ha sdoganato l’accesso a tutte le tecniche di riproduzione assistita a carico del servizio sanitario campano».

Fonte: Tempi

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info