Depressione e adolescenza: c’è un rimedio...

Più sei religioso, meno rischi la depressione: una ovvietà sino a qualche tempo fa, ora uno studio scientifico lo prova. 

Jane Cooley Fruehwirth, professoressa all’Università della Carolina del Nord, è coautore dello studio “;Religione e depressione nell’adolescenza“;, pubblicato sul Journal of Political Economy (nel giugno-luglio 2019). 

Lo studio è particolarmente importante ora che i dati sulla solitudine e depressione degli adolescenti allarmano molti paesi del mondo occidentale. Poiché molti di coloro che soffrono di problemi di salute mentale da adulti mostrano per la prima volta sintomi durante il periodo di sviluppo della adolescenza, l’Organizzazione mondiale della sanità elenca la salute mentale nell’adolescenza come una priorità di salute globale.

In un articolo sulla rivista ‘America’ dello scorso 19 agosto, si sottolinea quanto il 21 ° secolo si stia dimostrando dannoso per la salute mentale degli adolescenti, negli USA come nel mondo occidentale. Nei soli USA  il 13% degli adolescenti dichiara di aver avuto una grave depressione nell’ultimo anno . Questa cifra è due terzi maggiore rispetto a 10 anni fa. Le spese per la salute mentale negli Stati Uniti (per tutte le età) sono raddoppiate dall’inizio del 2000 questo secolo.

  “Ho visto queste tendenze depressive nella mia vita come insegnante. Come scienziato sociale, voglio capire il perché. Come cristiana, mi chiedo se la religione possa aiutare a proteggere gli adolescenti dalle malattie mentali “;, scrive Jane Cooley. E diverse indicazioni dello studio recentemente pubblicato confermano questa ipotesi: aver fede diminuisce la depressione i disturbi mentali degli adolescenti. 

Le statistiche mostrano continuamente che esiste una chiara relazione statistica tra una migliore salute mentale e una maggiore religiosità (che si misura nelle persone in base alla loro partecipazione ai servizi religiosi, alla frequenza con cui pregano e all’importanza che danno alla religione).

Ma gli adolescenti sono più sani e conducono una vita più equilibrata perché vanno a Messa, o diversamente se gli adolescenti vanno a Messa è perché sono più sani e la loro vita è molto stabile?

Jane Cooley, insieme a Sriya Iyer (Università di Cambridge) e Anwen Zhang (Università di Glasgow), hanno formato un team per studiare i numerosi dati forniti dal National Longitudinal Survey of Health of Adolescents to Adults, che include “interessanti domande sulla religiosità e depressione “;. 

La cosa più interessante è stata “;isolare l’effetto della religiosità individuale sulla depressione” prestando attenzione ai giovani che negli ultimi anni del liceo (15-18) sono diventati più religiosi a causa dell’influenza dei loro compagni di classe e dei loro amici. Qui c’è la prova certa di come una fede testimoniata può fare la differenza positiva, al contrario da questo dato capiamo meglio la ragione vera delle politiche che vogliono annacquare l’insegnamento religioso, sostituirlo con il gender e, in ultima analisi, bandire la libertà religioso da ogni sfera e spazio pubblico. 

Nello studio si trattava di valutare se questi adolescenti, diventando più religiosi (ma senza cambiare famiglia, quartiere, ecc.) riuscissero a migliorare la loro salute mentale.

Ebbene ecco i dati, da un certo punto di vista soprendenti, sia per i credenti sia per i trinariciuti del laicismo contemporaneo. 

Andando in chiesa regolarmente, la statistica della depressione diminuisce di 11 punti. Lo studio ha scoperto che quando c’era una forte crescita della religiosità (ad esempio, qualcuno che non andava mai in chiesa che ha deciso di andarvi almeno una volta alla settimana) i rischi di depressione grave o moderata diminuivano di undici punti percentuali.

“;Forse il dato più sorprendente è che gli effetti erano più forti, quasi i due terzi più forti, negli individui con i sintomi più gravi della depressione, i più difficili da trattare”, spiegano i ricercatori.

Bisogna tenere conto, afferma Jane Cooley Fruehwirth, che proprio la terapia cognitiva, che viene utilizzata nelle depressioni più gravi, è la meno efficace per gli individui più depressi, almeno a breve termine. La religione, d’altra parte, sembra portare più rapidamente i frutti per il miglioramento della salute mentale.Lo studio mostra che i benefici mentali non arrivano solo perché sono circondati da coetanei che sono religiosi, ma perché queste relazioni e ambiente favorevole li spinge ad adottare personalmente comportamenti religiosi (pregare, andare in chiesa ...).

La crescita della religiosità e fede personale aiuta soprattutto in alcuni fattori scatenanti della depressione, quali il perdere la salute fisica o avere qualcuno vicino a te che si suicida. “È interessante vedere i benefici della religiosità indipendentemente dal fatto che gli adolescenti partecipino ad altre attività come club scolastici o sport. Ciò suggerisce che queste altre attività, in cui gli adolescenti possono trovare un senso di appartenenza, non sembrano sostituire i benefici della religiosità nella salute mentale “;, aggiunge la Jane Cooley Fruehwirth.

Ma non ci sono farmaci anti-depressione? Sì, ma gli studi clinici dimostrano che solo in uno su cinque casi essi hanno un reale effetto di riduzione della depressione. 

 “;Poiché la quantità di prove a sostegno della relazione positiva tra religione e salute mentale cresce in molti casi, la ricerca nel campo della religione sta ottenendo una maggiore accettazione nella psichiatria attuale“;, aggiunge Jane Cooley. “;Questa è una buona notizia, perché c’è molto da scoprire su come la salute mentale e altri benefici si collegano alla fede e alla spiritualità interiore”. 

Buone notizie dunque, sia per la cura della depressione ma ancor più per gli uomini e donne di fede, i loro figli e le loro comunità, la religiosità non solo attrae, ma porta benefici a coloro che soffrono. Una responsabilità dunque maggiore per tutti noi. 

Luca Volonté

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info