20/03/2021 di Francesca Romana Poleggi

Comprare un figlio su Facebook

Nel mezzo di una pandemia globale le persone, chiuse in casa, stanno sempre più attaccate al pc o al telefonino e comprano di tutto on line. The Center for Bioethics and Culture rileva che si rivolgono ai social media anche per un "prodotto" molto particolare: lo sperma umano.
Le banche del seme, infatti, stanno esaurendo le loro scorte a causa dei lockdown e la diffusa maggior povertà  induce a cercare soluzioni più economiche rispetto ad esse. 
Sperm Donation USA è un gruppo Facebook privato con oltre 14mila membri.
"Just A Baby", è un'app che si può scaricare sul telefonino per trovare un venditore di sperma, una venditrice di ovociti o una donna disposta ad affittare l'utero. Assomiglia molto a un'app di appuntamenti, in cui le parti interessate possono scorrere foto e profili per trovare la persona adatta alle proprie esigenze. 
 
Sia Sperm Donation USA che "Just A Baby" non si pongono alcuna preoccupazione per le conseguenze a lungo termine sui bambini nati in questo modo.
Gli uomini in maggioranza  dichiarano chiaramente di non voler essere coinvolti nella vita del bambino risultante:  non vogliono nessuna co-genitorialità, nessun diritto, nessun obbligo di supporto finanziario...
Quindi non interessa, né a loro, né ai gestori dei siti web, ma neanche ai compratori - tanto desiderosi di un figlio - delle crisi di identità  che dovranno affrontare i bambini che crescendo si pongono innumerevoli domande su chi sono veramente.
Un'altra tendenza allarmante su questi siti è che non offrono alcuna garanzia sull'identità e sullo stato di salute dei venditori di gamenti. 
Viceversa, molti compratori pretendono di sapere il quoziente di intelligenza, il colore degli occhi e mille altre caratteristiche per  creare un bambino su misura.
Insomma, i desideri degli adulti che comprano e vendono sono da soddisfare a tutti i costi. I bisogni fisici ed emotivi dei bambini non importano.
Si considera il miracolo della vita umana poco più di una transazione commerciale: si comprano i gameti così come un divano di seconda mano. 
Del resto, sono "solo bambini": si possono uccidere con l'aborto quando danno fastidio, si possono comprare quando servono. E allora, per logica conseguenza, perché non si possono abusare, se la cosa in qualche modo arreca gusto e guadagno facile?
 
Fonte: Il Settimanale di Padre Pio
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info