22/08/2021

Cervelli artificiali sviluppano occhi

La nuova tecnica delle cellule staminali è stata usata per far crescere  "organoidi cerebrali", piccoli cervelli artificiali.
Ma sta producendo  risultati inquietanti. In uno studio su Cell Stem Cell , scienziati tedeschi hanno utilizzato cellule staminali pluripotenti indotte umane (iPSC) per creare organoidi cerebrali con una struttura oculare chiamata coppa ottica.
 
Gli organoidi hanno sviluppato spontaneamente coppe ottiche bilateralmente simmetriche dalla parte anteriore della regione simile al cervello, dimostrando l'intrinseca capacità di auto-modellazione delle iPSC in un processo biologico altamente complesso.
 
"Il nostro lavoro mette in evidenza la notevole capacità degli organoidi cerebrali di generare strutture sensoriali primitive che sono sensibili alla luce e ospitano tipi di cellule simili a quelle che si trovano nel corpo", afferma Jay Gopalakrishnan dell'ospedale universitario di Düsseldorf. "Questi organoidi possono aiutare a studiare le interazioni cervello-occhio durante lo sviluppo dell'embrione, modellare i disturbi retinici congeniti e generare tipi di cellule retiniche specifiche del paziente per test farmacologici personalizzati e terapie di trapianto".
 
Gli organoidi hanno formato le coppe ottiche in 30 giorni e queste sono maturate come strutture visibili in 50 giorni. Questo lasso di tempo è parallelo a quello dello sviluppo retinico nell'embrione umano.
 
Queste strutture contenevano diversi tipi di cellule retiniche, che formavano reti neuronali elettricamente attive che rispondevano alla luce. Gli organoidi cerebrali della coppa ottica contenevano anche cristallino e tessuto corneale e mostravano connettività retinica alle regioni del cervello.
 
Negli studi futuri, hanno in programma di sviluppare strategie per mantenere vitali le coppe ottiche per lunghi periodi di tempo, utilizzandole per studiare i meccanismi che causano i disturbi della retina.
 
Scrivendo su The Niche , un ben informato commento sulla ricerca sulle cellule staminali, Paul Knoepfler, della UC Davis School of Medicine, spiega: «Per quanto riguarda i modelli di embrioni umani penso che i limiti alla scienza abbiano senso. Per gli organoidi del cervello umano non tanto. Queste strutture sono abbastanza lontane dai veri cervelli umani e i rapporti sull'attività neurale in esse non mostrano nulla di simile a una funzione coerente su una base coerente».
 
Fonte : Bio Edge
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info