29/11/2019

Bibbiano continua. E con risvolti sempre più drammatici

Bibbiano continua. Nonostante i grandi media, con poche eccezioni, stiano silenziando tutto lo scandalo della Val d’Enza, il lavoro degli inquirenti continua, portando a galla nuovi sconvolgenti particolari.

E’ per esempio di questi giorni la notizia, riportata dal Fatto Quotidiano, di nuovi atti dell’inchiesta da cui emergono particolari che danno i brividi, con testimoni che hanno spiegato come gli ex responsabili dei servizi sociali avessero raccontato loro di «omicidi» rituali e cannibalismo per facilitare gli affidi. Non solo. Nello specifico, questi testimoni hanno rivelato di aver sentito parlare di una complessa rete di personaggi - magistrati, personale delle forze d’ordine, professionisti del settore - tutti legati a una rete di pedofili, satanisti e cannibali che operava per togliere i bambini ai genitori e poi abusarli. Forse addirittura sacrificarli.

Naturalmente, si tratta di piste investigative tutte ancora da verificare. Ma proprio per questo è necessario che sui fatti della Val d’Enza l’attenzione rimanga alta, in una fase politica in cui, invece, spinte molto forti portano a distoglierla altrove. Sempre sul Fatto Quotidiano – testata non sospettabile di simpatie cattoliche – l’opinionista Selvaggia Lucarelli è intervenuta in questi giorni per tirare le orecchie a chi vorrebbe insabbiare i fatti di Bibbiano, scrivendo che ci si trova dinnanzi ad un fenomeno reale, ad «una verità complessa di cui ormai si parla poco, male, a singhiozzo».

C’è insomma una parte del sistema mediatico che, coraggiosamente, chiede che delle ombre emiliano romagnole sul sistema degli affidi si continui a parlare. Ma è minoritaria. Molti giornalisti, politici e movimenti – lo stesso movimento delle “Sardine”, per stare all’attualità – chiedono infatti a gran voce che di Bibbiano non si parli più, spiegando che non è accaduto nulla di grave e che la stessa magistratura lo ha accertato. Tuttavia la realtà è un’altra, come dimostrano le nuove rivelazioni dei testimoni di cui si diceva poc’anzi. E nella medesima direzione va lo stesso intervento di ottobre del Presidente del Tribunale per i Minorenni di Bologna, Giuseppe Spadaro, intervento spesso citato come prova dell’inconsistenza dello scandalo Bibbiano: peccato che il dottor Spadaro abbia, quel giorno, dichiarato: «Se vi sono state mele marce che hanno tentato di frodarci processualmente devono essere giudicate dalla magistratura e punite in maniera severa». Ora, come si può - davanti a quel «se vi sono state mele marce» - gridare al falso allarme? Com’è possibile affermare che lo scandalo di Bibbiano si sia «sgonfiato»? Non è affatto così.

Tanto è vero che si sta ancora indagando. Non solo. Sempre nel mese di ottobre, da uno sviluppo dell’indagine di Procura e carabinieri, è derivata l’indagine – per depistaggio – a carico di una funzionaria del Comune di Reggio Emilia. La donna, impegnata nel settore Politiche familiari, è infatti ora indagata nell’ambito dell’inchiesta “Angeli & Demoni” sugli affidi. E ancora il 20 ottobre Il Resto del Carlino riportava il caso di un padre, che si dichiara falsamente accusato di abusi sessuali («senza riscontri», denuncia lui), il quale da 5 anni non ha più notizie della figlia.

Tutto questo per ribadire che sulla Val d’Enza rimane ancora tanto, anzi tantissimo da chiarire. E i nuovi atti dell’inchiesta riportati dal Fatto Quotidiano tutto lasciano trasparire fuorché uno scenario sul punto di rasserenarsi. Anzi, la sensazione è che molto, delle distorsioni del sistema degli affidi, debba ancora essere compreso. Sempre che si abbia, come si spera, il coraggio investigativo di andare fino in fondo.

 

di Giuliano Guzzo

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info