04/09/2022

Assurdo! Tribunale assegna doppio cognome alla "figlia" di due lesbiche

Un comunicato Ansa di oggi, 4 settembre, ci rende nota la "storica" sentenza del Tribunale dei minorenni di Bologna che dopo aver ammesso che una donna di Parma adottasse (stepchild adoption) la figlia della compagna nata da fecondazione artificiale ottenuta con sperma comprato, ha dato alla medesima bambina  il cognome di entrambe le donne. All'origine della vicenda legale il provvedimento del Sindaco che ha registrato la nascita all'anagrafe.
 
Perché "il cognome è una parte essenziale e irrinunciabile della personalità", scrive il giudice.
Il cognome, certo.
E il padre?
Qui non si tratta di un padre morto o fuggito, che da qualche parte sta o stava. Qui si tratta di un padre che non è mai esistito di cui quella bambina soffrirà per sempre l'assoluta assenza.
Ne soffrono i figli della fecondazione artificiale ottenuta da coppie eterosessuali, che comunque un padre legale ce l'hanno. Ne soffrirà ancor di più questa bambina. 
Ma il suo diritto ad aver un padre non conta. Conta solo il "diritto" di quelle due donne ad avere un figlio. 
Per quanto i giudici si affannino, però, quella bambina nella realtà sarà sempre e solo figlia di una madre. La seconda donna non sarà mai un'altra madre e tanto meno un padre. 
 
 
Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info