11/05/2022

Anche la politica si muove sul caso Marano. La consigliera Rossini: «Intollerabile rieducazione gender»

Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni di Elisa Rossini, consigliere comunale a Modena del gruppo Fratelli d'Italia - Il Popolo della famiglia e dirigente nazionale del PdF.




«Alle scuole elementari De Amicis di Marano sul Panaro i bambini di quinta elementare sono coinvolti in un progetto dai contenuti decisamente inappropriati» ha dichiarato Elisa Rossini. «Innanzitutto non vi è chiarezza sul contenuto del progetto che è stato fornito ai genitori su loro richiesta, prima in una versione più articolata e dettagliata con i contenuti contestati da alcuni genitori tramite l’associazione Pro Vita & Famiglia, poi, guarda caso dopo l’intervento di quest’ultima, in una versione più “soft”. Dobbiamo ricordare che una nota del Ministero dell’Istruzione del 2018 riconosce il diritto al consenso informato dei genitori su tutti i progetti extracurricolari e quindi non obbligatori e che il consenso deve, appunto, essere “informato”, quindi dall’Istituzione scolastica deve pervenire ai genitori una corretta informazione. Il fatto che prima si consegni un progetto con un certo contenuto poi un secondo tagliato rispetto al primo per altro di elementi essenziali quali argomenti, materiali mezzi e modalità, rende tutto molto discutibile».

«Se poi andiamo a verificare il contenuto del progetto nella versione più estesa le perplessità aumentano - ha aggiunto la Rossini -. Ai bambini si rispondera ad eventuali domande come "chi sono le persone trans?" "Cosa significa l’espressione gender fluid?" "Cosa significa l’espressione genderless?" "Cosa sono il coming out?" "L’omofobia?" E verranno spiegati i vari orientamenti sessuali tra i quali viene citata non solo l’omosessualità ma anche la bisessualità. Si pretende dunque di sottoporre ai bambini che frequentano la classe quinta elementare contenuti non appropriati alla loro età: per dare tali spiegazioni occorrerà inevitabilmente raccontare cosa significa essere omosessuale o bisessuale e quindi entrare nei dettagli dell’atto sessuale che definisce tali orientamenti. Oltre a ciò si pretende di indottrinare i bambini dando per scontato che la fluidità di genere e il superamento del genere binario siano dati acquisiti, mentre è così solamente per gli attivisti LGBTQIA+ che ne fanno la loro bandiera».

«Le scuole però - ha concluso la Rossini - non sono campi di rieducazione di massa, ma luoghi in cui la famiglia viene rispettata nel suo primato educativo e i bambini crescono accompagnati da adulti rispettosi della loro evoluzione, della loro età e della loro innocenza».

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info