Firma ora

Stop alla propaganda dell’utero in affitto in RAI! Firma anche tu!

Abbiamo bisogno di 20.000 FIRME: 96%

19.210 SU 20.000

+++ 10/09/2021 AGGIORNAMENTO: La petizione è stata consegnata al Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, al Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella e all’AD della RAI Fabrizio Salini +++

Sabato 24 luglio RAI1, all’interno del programma “Amore in quarantena”, ha ospitato una coppia di uomini che sono ricorsi alla pratica dell’utero in affitto negli Stati Uniti. La trasmissione era tesa a esaltare un apparente “tenero quadretto familiare”, omettendo però alcuni piccoli, insignificanti dettagli.

A cominciare dal fatto che l’utero in affitto è una pratica barbara e incivile che, come ha recentemente riconosciuto anche la Corte Costituzionale, reifica la donna e rende i bambini dei prodotti: soprattutto, però, in Italia l’utero in affitto è illegale, e che la TV di Stato faccia pubblicità a un reato è come minimo riprovevole.

Firma questa petizione, compilando il modulo, per chiedere che il Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, il Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella e l’AD della RAI Fabrizio Salini blocchino subito la propaganda pro utero in affitto nel servizio pubblico.

--- Ecco il messaggio che invieremo al Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, al Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella e all’AD della RAI Fabrizio Salini ---

Sabato 24 luglio, la trasmissione “Amore in quarantena”, andata in onda su RAI1, ha ospitato una coppia di uomini che sono ricorsi alla pratica dell’utero in affitto negli Stati Uniti. Il programma mirava a esaltare un “tenero quadretto familiare”, con i “due papà” alle prese con culle e biberon, cucci e bagnetti, occultando però alcuni piccoli, insignificanti dettagli.

A cominciare dal fatto che l’utero in affitto è una pratica barbara che, come ha recentemente rilevato la Corte Costituzionale, “offende in modo intollerabile la dignità della donna e mina nel profondo le relazioni umane”: trattando le madri alla stregua di mere incubatrici e i figli come prodotti, oggetto del desiderio di due adulti.

Non è peraltro la prima volta che la RAI “si dimentica” del proprio ruolo di servizio pubblico per sponsorizzare istanze partigiane rigorosamente politically correct. Stavolta, però, siamo di fronte a un fatto ancora più grave: perché l’utero in affitto in Italia è illegale, il che implica che la televisione di Stato, per confermare la propria genuflessione al pensiero unico, abbia mandato in onda un vergognoso spot a quello che è a tutti gli effetti un reato.

Chiediamo pertanto che il Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e il Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella intervengano con le censure e le sanzioni del caso e ribadiscano che l’utero in affitto è un reato; e che l’AD della RAI Fabrizio Salini pubblichi una rettifica per scusarsi della messa in onda e ribadire a sua volta che l’utero in affitto è un reato.

-- Puoi scaricare qui il modulo cartaceo per la raccolta manuale delle firme --

Firma subito questa petizione per:

- chiedere che il Ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, il Presidente dell’AGCOM Giacomo Lasorella e l’AD della RAI Fabrizio Salini intervengano contro la propaganda dell’utero in affitto nel servizio pubblico.

 

Acconsento al trattamento dei dati personali al fine di ricevere informazioni richieste come indicato nelle Condizioni sulla Privacy

Acconsento ad essere ricontattato mediante l’invio di email a contenuto promozionale per ricevere aggiornamenti da Pro Vita & Famiglia su nuove iniziative, campagne di raccolta fondi e firme di appelli. Il consenso è revocabile in ogni momento dall'interessato.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info