Firma ora

Stop alla blasfemia e alla rimozione! Firma ora: la Madonnina non si tocca!

Abbiamo bisogno di 10.000 FIRME: 83%

8.282 SU 10.000

+++ 16/04/2021 AGGIORNAMENTO: La petizione è stata consegnata al Presidente del Municipio Roma III Giovanni Caudo +++ 

In base a un discusso e discutibile piano di modifica della viabilità nel quartiere romano di Montesacro, l’assessore ai Lavori Pubblici del Municipio Roma III, Francesco Pieroni, ha deciso di spostare la statua della Madonnina della Misericordia, attualmente al centro di piazza Sempione. Uno “sfratto” contro cui si sta battendo il parroco della Chiesa dei Santi Angeli Custodi, don Mario, malgrado l’ostilità di media e associazioni femministe, che sono giunte a inscenare la parodia blasfema di una processione: peraltro pubblicizzata dall’assessore municipale alla Cultura Christian Raimo, che ha così mancato di rispetto a migliaia di cittadini.

Eppure, il sacerdote ha solo lamentato il problema logistico che l’immagine della Santa Vergine verrebbe addossata alla scalinata parrocchiale, rendendo più difficili le celebrazioni di matrimoni e funerali. Oltre al fatto che si tratta di un simbolo che va al di là della religione, essendo un punto di riferimento per gli abitanti dell’intero quartiere.

Firma questa petizione, compilando il modulo, per chiedere al Presidente del Municipio Roma III Giovanni Caudo di rinunciare al progetto di sfrattare la statua della Madonnina della Misericordia e di far dimettere l’assessore alla Cultura Christian Raimo.

--- Ecco il messaggio che invieremo al Presidente del Municipio Roma III Giovanni Caudo ---

Il Presidente del Municipio Roma III e l’assessorato ai Lavori Pubblici hanno avviato un progetto di pedonalizzazione di piazza Sempione che prevede il riposizionamento della statua della Madonna della Misericordia, attualmente sita in un’isola pedonale al centro delle carreggiate.

Il restyling ha scatenato la rivolta della comunità parrocchiale, e in particolare del sacerdote, don Mario, la cui battaglia gli ha attirato l’ostilità dei soliti media e delle associazioni femministe che, in seguito a una frase del sacerdote bollata come “omofoba”, hanno inscenato la volgare parodia di una processione esibendo l’immagine blasfema di una Madonna a forma di vagina. Manifestazione cui, oltretutto, ha voluto dare visibilità anche un rappresentante delle istituzioni come l’assessore municipale alla Cultura Christian Raimo.

Evidentemente offendere in modo gratuito la sensibilità dei credenti è più facile che opporre controargomentazioni ai problemi che lo spostamento creerebbe. Anzitutto, l’effigie della Santa Vergine verrebbe posta a ridosso della scalinata, rendendo più difficili le celebrazioni di matrimoni e funerali. Inoltre, l’immagine rappresenta un simbolo non solo religioso, ma anche affettivo, e un importante punto di riferimento per gli abitanti del quartiere Montesacro.

Chiediamo pertanto che il Presidente del Municipio Roma III Giovanni Caudo rinunci all’idea di spostare la statua della Madonna della Misericordia a piazza Sempione, e faccia dimettere l’assessore Christian Raimo.

-- Puoi scaricare qui il modulo cartaceo per la raccolta manuale delle firme --

Firma subito questa petizione:

- chiedere al Presidente del Municipio Roma III Giovanni Caudo di rinunciare a sfrattare la statua della Madonnina della Misericordia e di far dimettere l’assessore pro-blasfemia Christian Raimo.

 

Firmando questa petizione acconsenti al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell’informativa sulla Privacy

Acconsenti a ricevere informazioni sul risultato di questa petizione e sulle altre iniziative e campagne di Pro Vita & Famiglia?

Grazie per aver sottoscritto la petizione!


Resta aggiornato!
Questa causa avrà presto degli sviluppi importanti. Per sapere che cosa accadrà, acconsenti a ricevere informazioni sulle iniziative di Pro Vita & Famiglia, nel pieno rispetto della normativa sulla Privacy?;



Acconsento ad essere ricontattato mediante l'invio di email a contenuto promozionale per ricevere aggiornamenti da Pro Vita & Famiglia su nuove iniziative, campagne di raccolta fondi e firme di appelli, nonché al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell'informativa sulla Privacy. Nel caso in cui sia stata espressa la volontà di ricevere a casa pubblicazioni, acconsento a ricevere eventuale materiale cartaceo informativo, promozionale o di raccolta fondi all'indirizzo indicato. Il consenso è revocabile in ogni momento dall'interessato.