Firma ora

No al Green pass per i minori! Firma anche tu!

Abbiamo bisogno di 50.000 FIRME: 90%

45.211 SU 50.000

+++ 06/09/2021 AGGIORNAMENTO: La petizione è stata consegnata al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro della Salute Roberto Speranza +++

Qualche giorno fa il Generale Francesco Paolo Figliuolo, Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, ha affermato che prossimamente si cercherà di coinvolgere nella campagna vaccinale anche i minori: con tanto di obbligo di Green pass per accedere ai ristoranti, agli spettacoli all’aperto, ai centri termali, alle piscine, alle palestre, alle fiere, ai congressi, ai concorsi, a musei, cinema e teatri, e chi più ne ha più ne metta.

Il tutto in barba alla priorità educativa della famiglia, sancita sia dalla Costituzione italiana che dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: e nonostante in mezza Europa (inclusi Paesi quali Germania, Gran Bretagna e Olanda) il vaccino anti-Covid non sia stato autorizzato per i minorenni, o al massimo sia stato raccomandato solamente agli adolescenti con fragilità.

Firma questa petizione, compilando il modulo, per chiedere che il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Ministro della Salute Roberto Speranza rinuncino all’idea di imporre il Green pass anche ai minori.

--- Ecco il messaggio che invieremo al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro della Salute Roberto Speranza ---

Il Governo italiano, nella persona del Commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, Generale Francesco Paolo Figliuolo, ha recentemente espresso l’intenzione di coinvolgere nella campagna vaccinale contro il SARS-CoV-2 anche i minorenni. In tal modo, anche per gli adolescenti l’accesso a una serie di servizi e attività sarà condizionato al possesso del Green pass, creando quindi delle odiose discriminazioni tra i ragazzi, che invece dovrebbero avere libero accesso alle attività ricreative.

Eppure, Stati europei quali Croazia, Portogallo, Irlanda, Islanda Norvegia e Ucraina non hanno autorizzato l’uso del vaccino anti-Covid sui minori. Mentre altre Nazioni come Germania, Gran Bretagna, Svezia, Finlandia, Belgio, Olanda e Lussemburgo hanno deciso di raccomandare la profilassi solo agli under 18 con fragilità, sconsigliandola agli altri adolescenti.

In questo quadro evidentemente caratterizzato dall’incertezza, stupisce negativamente che l’esecutivo intenda scavalcare il primato educativo della famiglia, peraltro sancito dalla Costituzione italiana e dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Quando invece la vera emergenza vissuta dai ragazzi è quella educativa, che non si potrà superare senza un coinvolgimento diretto e immediato delle associazioni dei genitori.

Chiediamo pertanto al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro della Salute Roberto Speranza di recedere dal progetto di imporre l’obbligo del Green pass anche ai minorenni.

-- Puoi scaricare qui il modulo cartaceo per la raccolta manuale delle firme --

Firma subito questa petizione:

- chiedere al Presidente del Consiglio Mario Draghi e al Ministro della Salute Roberto Speranza di escludere i minori dall’obbligo del Green pass.

 

Firmando questa petizione acconsenti al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell’informativa sulla Privacy

Acconsenti a ricevere informazioni sul risultato di questa petizione e sulle altre iniziative e campagne di Pro Vita & Famiglia?

Grazie per aver sottoscritto la petizione!


Resta aggiornato!
Questa causa avrà presto degli sviluppi importanti. Per sapere che cosa accadrà, acconsenti a ricevere informazioni sulle iniziative di Pro Vita & Famiglia, nel pieno rispetto della normativa sulla Privacy?;



Acconsento ad essere ricontattato mediante l'invio di email a contenuto promozionale per ricevere aggiornamenti da Pro Vita & Famiglia su nuove iniziative, campagne di raccolta fondi e firme di appelli, nonché al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell'informativa sulla Privacy. Nel caso in cui sia stata espressa la volontà di ricevere a casa pubblicazioni, acconsento a ricevere eventuale materiale cartaceo informativo, promozionale o di raccolta fondi all'indirizzo indicato. Il consenso è revocabile in ogni momento dall'interessato.