Firma ora

Firma per impedire che il Governo sostituisca mamma e papà con “genitore 1” e “genitore 2”!

Abbiamo bisogno di 20.000 FIRME: 85%

17.043 SU 20.000

Il Ministro dell’interno Luciana Lamorgese ha anticipato l’intenzione di cancellare dalla carta d’identità dei minori di 14 anni la dicitura “padre/madre”, sostituendola di nuovo con “genitore 1” e “genitore 2”.

È una scelta che non ha alcuna utilità oltre quella di blandire un’ideologia miope e malsana che, perfino in piena emergenza Covid-19, non rinuncia ad attaccare la famiglia, unico ambiente naturale per lo sviluppo e il benessere di tutta la società. Ma un Governo non può cambiare la realtà: nasciamo tutti da una mamma e da un papà.

Firma anche tu questa petizione, compilando il modulo, per chiedere al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese di rinunciare al progetto di sostituire “padre” e “madre” con “genitore 1” e “genitore 2”.

-- Ecco il messaggio che invieremo al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese --

Il 13 gennaio 2021, il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese ha annunciato, durante un Question Time alla Camera dei Deputati, l’intenzione di ripristinare la dicitura di cui al Decreto interministeriale del 23 dicembre 2015, recante modalità tecniche di emissione della carta d’identità elettronica, cancellando così le modifiche adottate con il Decreto interministeriale del 31 gennaio 2019.

In questo modo, sulla carta d’identità dei minori di 14 anni verrà reintrodotta la dicitura “genitore 1” e “genitore 2” in luogo dell’attuale “padre/madre”. Una misura pensata, come illustrato dalla titolare del Viminale, «per garantire conformità al quadro normativo introdotto dal regolamento Ue e per superare le problematiche applicative segnalate dal Garante della Privacy»: secondo cui l’utilizzo delle forme “padre/madre” comporterebbe assurdamente «notevoli criticità, in termini di protezione dei dati e di tutela dei minori».

Si tratta di pretesti insensati, dettati solamente da un’ideologia nichilista che perfino ora, in piena crisi da Covid-19, pur di attaccare l’istituzione familiare è disposta a sacrificare il futuro del Paese: essendo la famiglia stessa il cardine dello Stato e l’unico ambiente naturale in grado di garantire lo sviluppo e il benessere della società. Un’ideologia perniciosa che pretenderebbe addirittura di sostituirsi a una realtà che nessun Governo, nessun Ministro e nessuna legge potranno mai cancellare: che tutti nascono da una mamma e da un papà.

Per questi motivi, chiediamo che il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese rinunci al progetto di reintrodurre le opzioni “genitore 1” e “genitore 2”, confermando sulla carta d’identità dei minori di 14 anni la dicitura “padre/madre”.

Firma subito questa petizione per:

- chiedere al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese di rinunciare alla reintroduzione della dicitura “genitore 1” e “genitore 2” sulle carte d’identità dei minori di 14 anni.

 

Acconsento al trattamento dei dati personali al fine di ricevere informazioni richieste come indicato nelle Condizioni sulla Privacy

Acconsento ad essere ricontattato mediante l’invio di email a contenuto promozionale per ricevere aggiornamenti da Pro Vita & Famiglia su nuove iniziative, campagne di raccolta fondi e firme di appelli. Il consenso è revocabile in ogni momento dall'interessato.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info