Firma ora

Il Consiglio delle Donne di Bergamo non deve discriminare le donne pro vita! Revocate subito il veto politico e date voce anche alle madri lavoratrici!

Abbiamo bisogno di 2.500 FIRME: 90%

2.254 SU 2.500

Nelle scorse settimane è andata in scena una delle pagine più meschine della vita democratica di Bergamo.

Il Consiglio delle Donne (CDD), un organismo istituzionale del Comune che secondo il proprio regolamento dovrebbe promuovere occasioni di confronto culturale sulla condizione femminile in modo “plurale e trasversale”, ha bocciato la richiesta di adesione di una rappresentanza femminile di Pro Vita & Famiglia per puro pregiudizio ideologico.

Il CDD è stato costituito dal Consiglio comunale nel 1996 ed è formato dalle donne elette nel Consiglio stesso e da una rappresentante per ciascun gruppo, associazione, organizzazione “che guardi alle problematiche del territorio con ‘occhi di donna’ e che, presentando idonea documentazione, ne abbia fatto esplicita richiesta”.

Lo scorso maggio Pro Vita & Famiglia ha presentato domanda di adesione con una propria rappresentanza femminile consegnando tutta la documentazione richiesta.

Riteniamo infatti di rappresentare uno specifico e particolare “sguardo femminile” sulla società, dal momento che gran parte della nostra attività è volta a promuovere e tutelare il valore sociale e culturale della maternità, con particolare riferimento alla necessità di garantire il diritto delle donne alla conciliazione delle esigenze familiari con le aspirazioni professionali.

Il 10 novembre l’assemblea del Consiglio delle Donne ha bocciato la domanda (15 astenute, 12 voti contrari, 6 favorevoli) su pressione interna delle rappresentanti del Partito Democratico ed esterna del collettivo femminista Non Una Di Meno.

Il Consiglio delle Donne si è fatto così promotore di una vera e propria forma di discriminazione e violenza contro altre donne, “colpevoli” di non avere una certa visione politica e ideologica sulla questione femminile.

Tanto varrebbe allora chiamare quest’organo Consiglio delle Donne… del Partito Democratico!

Vogliamo chiedere al Consiglio di riconsiderare la sua decisione (puntando sulle 15 astensioni) ed eliminare questo odioso e discriminatorio veto politico contro una rappresentanza femminile di Pro Vita & Famiglia.

Aiutaci a sostenere questa richiesta firmando ora la petizione!

Firma subito questa petizione:

Il Consiglio delle Donne di Bergamo deve rimuovere il veto politico contro la rappresentanza femminile di Pro Vita & Famiglia Onlus. Il suo regolamento parla di pluralità e trasversalita delle posizioni: le donne di Pro Vita & Famiglia hanno il diritto di esprimere la loro visione sulla tutela sociale e culturale della maternità e sulla difesa dei diritti delle madri lavoratrici!

⬇️ FIRMA QUI ⬇️

Firmando questa petizione acconsenti al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell’informativa sulla Privacy

Acconsenti a ricevere informazioni sul risultato di questa petizione e sulle altre iniziative e campagne di Pro Vita & Famiglia?

Grazie per aver sottoscritto la petizione!


Resta aggiornato!
Questa causa avrà presto degli sviluppi importanti. Per sapere che cosa accadrà, acconsenti a ricevere informazioni sulle iniziative di Pro Vita & Famiglia, nel pieno rispetto della normativa sulla Privacy?;



Acconsento ad essere ricontattato mediante l'invio di email a contenuto promozionale per ricevere aggiornamenti da Pro Vita & Famiglia su nuove iniziative, campagne di raccolta fondi e firme di appelli, nonché al trattamento dei dati personali nel rispetto della normativa vigente secondo le condizioni indicate nell'informativa sulla Privacy. Nel caso in cui sia stata espressa la volontà di ricevere a casa pubblicazioni, acconsento a ricevere eventuale materiale cartaceo informativo, promozionale o di raccolta fondi all'indirizzo indicato. Il consenso è revocabile in ogni momento dall'interessato.