02/07/2014

Per il Governo Renzi il Forteto non va commissariato. Che il lager continui...

Il Ministero dello Sviluppo Economico dice no al commissariamento del Forteto.

Questa la decisione presa dopo 14 mesi di ispezioni, durante i quali sono emerse diverse irregolarità ma, caso strano, solo burocratiche.

Nella Comunità dove i minori erano perennemente oggetto di molestie sessuali, vere e proprie violenze, soprusi di ogni genere, l’unico problema riscontrato dalle autorità competenti riguardavano le buste paga dei dipendenti della cooperativa del Forteto: non venivano pagati gli straordinari e non era consegnato loro il CUD.

Problemi sanabilissimi e, quindi, l’attuale CdA può restare in carica.

Con il bene placido del Governo di Matteo Renzi –essendo toscano, ci si poteva aspettare una maggiore attenzione e conoscenza del caso specifico- il Forteto può andare avanti, in sfregio ai richiami dell’Unione Europea e soprattutto alla vita distrutta di decine di ragazzi.

“Siamo di fronte ad una coltre di silenzio rosso, una sorta di negazionismo in salsa contemporanea” affermano in una nota congiunta i Consiglieri regionali Mugnali, Donzelli e Chincarini.

Il Governo si è espresso: le violenze sessuali non sono importanti quanto non consegnare il CUD ai propri dipendenti. Il Forteto può continuare.

Ora più che mai è necessario far sentire la nostra voce contro queste nefandezze, la pedofilia nelle comunità per minori e sopratutto per dar voce a chi non viene ascoltato:

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE DI NOTIZIE PROVITA!

Se vuoi avere maggiori informazioni su quanto accaduto al Forteto, qui potrai trovare testimonianze ed approfondimenti.

Redazione

 

Blu-Dental

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info