23/07/2013

Indagine sulla maternità surrogata in India rivela abusi scioccanti

Un sondaggio condotto fra madri surrogate e fra genitori acquirenti in India approfondisce i sospetti che il business di 2 miliardi di dollari rappresenti un vero e proprio sfruttamento. Il Centro per la Ricerca Sociale, un gruppo di lobby per i diritti delle donne, ha intervistato 100 madri e 50 genitori desiderosi di noleggiare uteri a Mumbai ed a  Nuova Delhi. Mentre i risultati possono non essere del tutto scientifici, essi suggeriscono che alcune delle pratiche delle cliniche sarebbero del tutto inaccettabili nei paesi da cui i loro clienti provengono. Il rapporto: “maternità surrogata: etica o business“, è stato sostenuto dal Ministero delle donne e dello sviluppo del bambino Indiano.

Ecco alcuni dei punti salienti:
• I contratti tra le donne ed i genitori (non cliniche) sono normalmente firmati nel secondo trimestre, dopo che la gravidanza sia stata confermata. Ma la maggior parte delle madri non avevano una copia del loro contratto e non erano a conoscenza del suo contenuto. “La libertà della madre surrogata è un’illusione”, dice il rapporto.
• Se un bambino ha avuto una anomalia o era del sesso sbagliato, la gravidanza veniva spesso interrotta chimicamente e spesso senza il consenso o la conoscenza della madre surrogata. Secondo il rapporto, “Ci sono stati casi in cui il singolo contraente ha specificato il sesso del bambino, ha rifiutato di prendere il bambino se non sia nato normale e ha intentato una causa contro la madre surrogata dicendo che la stessa aveva rotto il contratto.”
• Normalmente le madri sono pagate solo l’1% o il 2% dei costi incassati dalla clinica. Se la gravidanza viene interrotta o se i genitori si rifiutano di accettare il bambino, le madri vengono pagate solo la metà del costo ed alcune non ricevono nulla.
• Il destino dei bambini con difetti alla nascita non è chiaro. Solo il 6% dei genitori acquirenti a Nuova Delhi e il 26% a Mumbai, ha dichiarato che avrebbero preso il bambino.
• Una tendenza in aumento è l’uso di più di una madre surrogata. I genitori acquirenti la considerano un’opzione più economica, dal momento che le cliniche offrono sconti come 2 madri surrogate al prezzo di una.
• La maggior parte delle donne ha soggiornato in “case rifugio”, durante la gravidanza, al fine di evitare il “marchio” di essere madri surrogate e per evitare di essere infettate da malattie a trasmissione sessuale, durante la gravidanza.
• La relazione contiene anche alcuni aneddoti inquietanti, anche se non sufficientemente documentati. In un ” caso scandaloso di maternità surrogata è stato scoperto all’aeroporto internazionale di Bombay. Dei genitori stranieri avevano deciso per la maternità surrogata al solo scopo di trapianto di organi per il loro figlio malato nel loro paese.”
• La maggior parte dei genitori sono indiani che vivono in paesi occidentali dove la maternità surrogata è illegale.
• Il rapporto raccomanda un quadro giuridico chiaro per la maternità surrogata in India e maggior rispetto per le madri surrogate.

Traduzione a cura della redazione Prolifenews

Clicca qui per leggere l’articolo originale pubblicato da BioEdge in lingua inglese

di Michael Cook

Festini

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info