25/09/2021

FLASH - Ritardare la maternità compromette la fertilità delle figlie

Secondo l'American Society for Reproductive Medicine le donne rimandano la maternità a 30 anni inoltrati rischiano di danneggiare la fertilità delle loro figlie.
Sebbene lo studio condotto in una clinica di fecondazione in vitro ad Atlanta abbia coinvolto solo 74 donne, il dott. Peter Nagy, di Reproductive Biology Associates, ha dichiarato che le donne rimaste incinte presso la clinica erano nate da padri con età media di 28,2 anni e madri di 25,7 anni. Le donne che non sono riuscite a rimanere incinte erano nate da genitori che avevano in media 31,9 e 28,2. 
Fonte: BioEdge
Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info