06/05/2022

FLASH - Parlamento Europeo condanna utero in affitto

Il Parlamento Europeo ha condannato l’utero in affitto come pratica «inaccettabile», che «costituisce una violazione della dignità umana e dei diritti umani».

Nella “Risoluzione del 5 maggio 2022 sull'impatto della guerra contro l'Ucraina sulle donne”, infatti, l’Europarlamento - ai punti n. 12, 13 e 14 - ha condannato apertamente «la pratica della maternità surrogata, che può esporre allo sfruttamento le donne di tutto il mondo, in particolare quelle più povere e in situazioni di vulnerabilità». Il documento, inoltre, sottolinea le «gravi ripercussioni della maternità surrogata sulle donne, sui loro diritti e sulla loro salute, le conseguenze negative per l'uguaglianza di genere nonché le sfide derivanti dalle implicazioni transfrontaliere di tale pratica, come è avvenuto nel caso delle donne e dei bambini colpiti dalla guerra contro l'Ucraina».

Il Parlamento ha inoltre chiesto alla stessa Unione Europeo e dunque ai suoi Stati Membri di analizzare «le dimensioni di tale industria» e soprattutto di introdurre «misure vincolanti volte a contrastare la maternità surrogata, tutelando i diritti delle donne e dei neonati».

Ricordiamo che già nel 2020 e nel 2021 il Parlamento europeo aveva condannato l’utero in affitto come uno «sfruttamento degli esseri umani» e come «una violazione della dignità umana e dei diritti umani».

 

Fonte: Parlamento Europeo

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info