31/01/2020

FLASH - Di mamma ce n'è una sola, anche in Emilia Romagna

«Il Tribunale di Rimini riconosce come “madre” anche la donatrice di ovuli, non solo la donna che ha partorito due gemelli con l’eterologa. Gli Lgbt ricordano a Bonaccini che "questo vuole la popolazione"», leggiamo su Tempi. Ma di madre ce n'è una sola, persino in Emilia Romagna, perché il fatto che ognuno di noi abbia una sola madre (ovviamente donna) e un solo padre (ovviamente uomo) non è un "ostacolo burocratico", è natura e ogni bambino ha bisogno di avere un concetto di famiglia conforme alla realtà per crescere in modo sano.

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info