30/09/2020

FLASH - Abbandonata perché disabile, il vero volto dell'utero in affitto

La storia della piccola Brigit svela la dura realtà dell'utero in affitto: è stata abbandonata perché disabile. Altro che amore, generosità e tanti altri bei termini che si usano per giustificare questa pratica. Tutt'altro. Ancora una volta abbiamo la dimostrazione che si tratta di uno squallido mercato di bambini, dove questi, trattati come oggetti, se vengono ritenuti "difettosi" si possono dar via. «Una bimba di 4 anni abbandonata dai genitori biologici e dalla madre surrogata perché disabile ora vive sola in un istiututo di Kiev. Un'infermiera che va spesso a trovarla e cerca una famiglia per lei ha rivelato l'egoismo che sta dietro a questa storia che non è l'unica. E che dimosta sia i mali della fecondazione artificiale sia dell'utero in affitto».

Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana

Questo articolo e tutte le attività di Pro Vita & Famiglia Onlus sono possibili solo grazie all'aiuto di chi ha a cuore la Vita, la Famiglia e la sana Educazione dei giovani. Per favore sostieni la nostra missione: fai ora una donazione a Pro Vita & Famiglia Onlus tramite Carta o Paypal oppure con bonifico bancario o bollettino postale. Aiutaci anche con il tuo 5 per mille: nella dichiarazione dei redditi firma e scrivi il codice fiscale 94040860226.
I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info