15/04/2021 di Luca Volontè

DAL MONDO - Russia determinata a spingere crescita demografica, ecco le leggi in discussione

All'inizio di marzo scorso, il partito russo al potere "Russia Unita" aveva organizzato una conferenza sugli "aspetti legali e legislativi del sostegno alle famiglie e ai valori familiari nella Federazione Russa", da quella riflessione erano nate diverse proposte ed iniziative legislative a favore della famiglia naturale e dei nascituri.  Alla Conferenza avevano partecipato deputati della Duma di Stato e della Duma di Mosca, membri del Consiglio della Federazione , rappresentanti della Chiesa ortodossa russa, dell'Unione delle donne ortodosse e dell'Associazione delle famiglie numerose di Mosca.

Tra le proposte, elaborate allora ed ora in discussione alla Duma, c'è il divieto per le cliniche private di eseguire aborti, così come l'esclusione degli aborti dalla copertura del sistema di assicurazione sanitaria obbligatoria della Russia. Oltre a ciò, proposte legislative sono state presentate per  vietare la 'propaganda dell'aborto'.

Il deputato Vladimir Krupennikov, uno dei promotori e firmatari delle proposte,  ha promosso anche l'idea di rafforzare le sanzioni e pene per coloro che promuovono l'aborto,  affermando: "Credo che sia necessario proporre una serie di iniziative legislative volte a stabilire la responsabilità per la diffusione di informazioni che propagandano l'aborto e aggravare la punibilità  per chiunque pubblicizzi , forzi, o promova l'aborto, così come pubblicizzi la sicurezza degli aborti".

Inga Yumasheva, membro del Comitato della Duma di Stato per la famiglia, le donne e i bambini, ha proposto di vietare gli aborti nelle cliniche private, così come gli aborti per i minori senza il consenso dei genitori. La deputata ritiene anche che sia necessario dare alle donne una "settimana di riflessione" prima degli aborti.

Nell'ambito del sostegno alle famiglie numerose, il vicepresidente della Duma Pyotr Tolstoy ha proposto di introdurre un 'capitale di maternità progressivo', i cui importi cresceranno con ogni nuovo figlio. "Perché la famiglia in cui nascono i bambini dovrebbe diventare più ricca, non più povera", ha spiegato Tolstoj. Per correggere la situazione demografica, secondo lui, è anche necessario aumentare sostegni economici alle famiglie con bambini.

Si è anche insistito perchè la Russia dovrebbe aderire alla coalizione del  “Consenso di Ginevra” pro-vita, che sostiene che l'aborto non può essere considerato un mezzo di pianificazione familiare, e che la famiglia è la base dello stato, promossa dagli USA di Trump, Ungheria, Brasile e Indonesia. .  Dal 2016, il tasso di aborto in Russia è stato ridotto del 39%.  In risposta all'ideologia LGBT che si è diffusa in Occidente, la conferenza russa ha proposto di vietarne tale propaganda all'interno della Federazione Russa. Questo include misure per proibire la propaganda sul cambio di sesso, il divieto della propaganda della bisessualità, del transgenderismo e del poliamore. Inoltre, i partecipanti alla conferenza hanno spinto per l'introduzione di un divieto dei simboli LGBTQI nelle istituzioni statali.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info