08/12/2021 di Anna Bonetti

Alfonso e Sara, Cavalieri della Repubblica per il loro Bar in cui si ordina con la Lingua dei Segni

Nei giorni scorsi si è parlato molto delle persone con disabilità, proprio in occasione della Giornata internazionale della disabilità.

A proposito di disabilità, recentemente i fondatori del bar “Senza nome” di Bologna, Alfonso Marrazzo e Sara Longhi, entrambi sordi, sono stati nominati dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella Cavalieri dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Sono stati premiati per il loro esemplare contributo alla conoscenza delle diversità e alla promozione di una cultura di reale inclusione e dialogo.

Nel loro locale, infatti, si ordina con la lingua dei segni italiana (LIS), e per le persone che non la conoscono, ci sono dei bigliettini in cui è raffigurato il significato delle parole in LIS. Un’eccellente idea per abbattere i muri che spesso questa società pone nei confronti dell’integrazione e costruire ponti laddove si tendono a creare divisioni ed incomprensioni.

“Il premio lo dedico alle persone che hanno avuto fiducia in noi. Abbiamo provato grande emozione e felicità. Io e Sara non ce lo aspettavamo” ha affermato Alfonso. “La diversità crea ricchezza. Abbiamo dimostrato che noi sordi possiamo farcela e che possiamo relazionarci con tutti. La nostra vita come sordi è sempre stata dura, ma non fermiamoci, andiamo avanti. Occorre avere coraggio”.

L’idea di Alfonso e Sara è nata dalla volontà di creare un luogo di incontro per la comunità dei sordi, in cui realizzare eventi artistici e culturali. La finalità del “Senza nome” è quella di far interagire persone sorde e udenti, abbattendo ogni forma di barriera comunicativa e allo stesso tempo promuovere la lingua dei segni italiana (LIS).

Il locale è situato nel cuore di Bologna e a servire la clientela sono dei ragazzi sordi. Chi ordina per mezzo della lingua dei segni ha diritto ad uno sconto alla cassa, altrimenti si può scrivere su un bigliettino o cercare di farsi capire con la mimica. Un bellissimo esempio che ci dimostra che un ponte per comunicare con le persone sorde è sempre possibile, che i sordi possono fare tutto.

Una precisazione è però d’obbligo: nonostante oggi la tecnologia offra grandi opportunità di recupero uditivo alle persone sorde, come gli impianti cocleari, questi non le trasformano in persone completamente udenti e la lingua dei segni è un modo bellissimo per esprimere la nostra originaria e incorruttibile natura umana.

In questa realtà “al contrario” non sono i sordi a doversi sforzare per comunicare con il mondo esterno, come sono solitamente costretti a fare, ma le persone udenti che vengono invitate a mettersi nei nostri panni e a venire incontro alle nostre difficoltà quotidiane e conoscere al meglio il nostro mondo.

Alfonso e Sara hanno ricevuto anche le congratulazioni dagli assessori di Bologna Mauro Lombardo, Alberto Aitini e Matteo Lepore, i quali hanno dichiarato che la città è orgogliosa di loro ed hanno espresso ai due neo cavalieri le proprie congratulazioni.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info