06/01/2020

La principale causa di morte nel mondo, gli aborti. I drammatici dati

Il 2019 che si è da poco concluso è stato caratterizzato da una causa in particolare per quanto riguarda le morti in tutto il mondo. Non si tratta però, come verrebbe da pensare, di morti per guerre, povertà, carestie o malattie… bensì per la pratica dell’aborto.

Gli inquietanti dati sono stati elaborati e resi noti dal famoso sito web di statistiche «Worldometers» che analizza i moltplici fenomeni sociali, fornendo gli aggiornamenti in tempo reale. Questi numeri allarmanti sono stati diffusi dall’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

L’aborto, infatti, ha causato solo nel 2019 ben 42 milioni di morti. «Secondo l’OMS – ha osservato Worldometers – ogni anno nel mondo ci sono circa 40 – 50 milioni di aborti (in media 125mila aborti al giorno). Negli Stati Uniti, dove quasi la metà delle gravidanze è indesiderata e 4 su 10 di queste sono interrotte dall’aborto – evidenzia Worldometers – ci sono oltre 3mila aborti al giorno. Il 22% delle gravidanze negli Stati Uniti finisce con l’aborto volontario».

Nonostante il 2020 sia già iniziato, secondo le stime fornite sempre da Worldometer, già si contano circa 75mila aborti effettuati nel nuovo anno, come riportato anche dal sito vocecontrocorrente.it

 

di Salvatore Tropea

 

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Info